I SITI UFFICIALI DELLE SQUADRE
Vai al sito ufficiale dell'AC Chievo Vai al sito ufficiale dell'Hellas Verona Vai al sito ufficiale della Marmi Lanza Volley Vai al sito ufficiale dell'Handball Dossobuono
Google
 
Home page di www.sportscaligero.it
 
 
 
invia una e-mail a SportScaligero Invia una e-mail
 
 
Vai al sito www.fraccaroli.it
 
Campionato italiano di Volley Serie A1 TIM - Il percorso della CALZEDONIA 2013-2014
 
Prima giornata girone di andata - Palasport di Vibo Valentia Domenica 20 ottobre 2013
TONNO CALLIPO VIBO V. - CALZEDONIA VERONA 3 - 1
Punteggio: 27-25, 25-27, 25-20, 25-21
La Calzedonia Verona esce sconfitta per 3 a 1 dal PalaValentia dove ha affrontato la Tonno Callipo Calabria nella prima giornata del girone di andata. I primi due parziali fotografano una situazione equilibrata, terminando entrambi con due lunghezze di divario – il primo 27-25 a favore dei calabresi e quello successivo con lo stesso risultato ma invertito per la Calzedonia. Nel terzo set gli scaligeri devono rincorrere fin dalla prime battute e chiudono il set a -5 (25-20). Il quarto parziale vede la Calzedonia in svantaggio ma determinata nella rimonta; il set si chiude sul 25-21. Ter Horst top scorer del match con 22 punti – insieme all’avversario Gavotto – e il 59% di positività. Sugli spalti del PalaValentia non è mancato il calore del tifo veronese grazie alla presenza di una decina di rappresentanti della Maraia Gialloblù, tifoseria del club scaligero.
fotoexpress
 
Seconda giornata girone di andata - PalaOlimpia di Verona Domenica 27 ottobre 2013
CALZEDONIA VERONA - BRE BANCA CUNEO 3 - 1
Punteggio: 25-21, 30-28, 23-25, 25-20
La Calzedonia Verona conquista la sua prima vittoria stagionale e lo fa battendo la Bre Lannutti Cuneo con il risultato di 3 a 1. Emozionante la vittoria dei gialloblù con il pubblico di Verona capace di trascinare dal primo all’ultimo pallone i gialloblù di Andrea Giani; oggi, al PalaOlimpia, erano più di 3.200 gli spettatori, dati che al momento portano Verona in testa alla classifica delle partite più seguite nelle gare giocate ad oggi nella stagione 2013. Gli scaligeri trovano il loro punto di forza assoluto nel fondamentale del muro con Aidan Zingel autore di 15, secondo per punti effettuati a Ter Horst (17 – top scorer del match e il 59% di positività). Giani schiera Boninfante in cabina di regia, Zingel e Anzani al centro, Ter Horst e White schiacciatori, Gasparini opposto e Pesaresi libero. Nel corso del primo parziale spazio anche all’opposto Bellei, nel secondo al palleggiatore Blasi. Dall’altra parte della rete Piazza schiera Rauwerdink e Antonov schiacciatori, Kohut e De Togni al centro, Freriks in cabina di regina, De Pandis libero e Rouzier opposto. Nel corso della gara spazio all’ex scaligero Maruotti, Gonzalez, Casadei e Aletti.
fotoexpress
 
Terza giornata girone di andata - Palasport di Città di Castello Sabato 02 novembre 2013
CITTA' DI CASTELLO - CALZEDONIA VERONA 1 - 3
Punteggio: 26-28, 21-25, 25-23, 22-25
Seconda vittoria consecutiva per la Calzedonia Verona che contro l’Altotevere Città di Castello si è imposta con il punteggio di 3 a 1 (26-28, 21-25, 25-23, 22-25). Una prestazione maiuscola quella dei ragazzi guidati da Andrea Giani che questa sera, in attesa delle gare che si disputeranno domani, si trovano al primo posto in classifica a pari di Macerata. Ancora una volta MVP del match è stato eletto Aidan Zingel, capace di mettere a segno 17 punti di cui 8 a muro e 7 in attacco. Grande la determinazione messa in campo da tutto il gruppo gialloblù, che nel quarto parziale ha saputo reagire con un break di 7 a 0, determinante nel finale di parziale e per la vittoria.
La Calzedonia è scesa in campo con la stessa formazione che ha sconfitto Cuneo sette giorni fa: Boninfante in cabina di regia, Gasparini opposto, Anzani e Zingel centrali, Ter Horst e White schiacciatori e Pesaresi libero. Durante il match spazio anche a Gonzalez, Bellei e Blasi
.
fotoexpress
 
Quarta giornata girone di andata - PalaOlimpia di Verona Sabato 09 novembre 2013
CALZEDONIA VERONA - SIR SAFETY PERUGIA 2 - 3
Punteggio: 25-23, 23-25, 16-25, 25-19, 10-15
Nella sfida della 4^ giornata di andata contro la Sir Safety Perugia, la Calzedonia Verona conquista un punto al tie break (2-3: 25-23, 23-25, 16-25, 25-19, 10-15), confermando performance di alto livello nel fondamentale del muro con 17 muri di squadra e muovendo la classifica totale posizionandosi dopo Macerata con 7 punti nell’anticipo del sabato in diretta RAI Sport 1. Uno spettacolo che ha tenuto il pubblico con il fiato sospeso fino all’ultimo punto, un evento che ha coinvolto anche una compagine dell’Associazione ciechi ipovedenti di Verona, seduti sugli spalti e partecipi della sfida grazie ad un sistema di trasmettitori radio finanziato dall’azienda Alitrans.
fotoexpress
 
Quinta giornata girone di andata - Pala De André di Ravenna Domenica 17 novembre 2013
CMC RAVENNA - CALZEDONIA VERONA 2 - 3
Punteggio: 21-25, 27-25, 16-25, 37-35, 11-15
Sul campo del PalaDeAndré la Calzedonia Verona lotta con determinazione fino al tie break e strappa due punti alla CMC Ravenna con il risultato di 2-3 (21-25, 27-25, 16-25, 37-35, 11-15). Gli scaligeri si aggiudicano il primo set protagonisti di un parziale avvincente contro una formazione che fin dalle prime battute si dimostra decisa a difendere il campo di casa. La CMC Ravenna accende la battaglia nel secondo parziale e guadagna spazio, il finale set è al cardiopalmo con Verona nuovamente combattiva (27-25). Il terzo set viene condotto dai gialloblù di Giani con Anzani in evidenza a muro e Zingel e White incisivi nelle fasi cruciali; la Calzedonia si impone con nove lunghezze di vantaggio. Gli scaligeri si giocano fino in fondo la possibilità di aggiudicarsi il match nel quarto parziale, ma nel duello Ravenna la spunta e guadagna il tie break (37-35). La Calzedonia Verona vince al tie break 11-15. Giani schiera in campo Boninfante in cabina di regia, Anzani e Zingel al centro, White-Ter Horst schiacciatori, Gasparini opposto e Pesaresi libero; durante il match ampio spazio anche a Blasi. Bonitta propone la formazione titolare con Toniutti palleggiatore, Tillie-Cebulj schiacciatori, Klapwijk opposto, Mengozzi e Cester al centro e Bari libero. Patriarca e Jeliazkov entrano in sostituzione nel primo set; Cricca nel quarto parziale.
.
fotoexpress
 
Sesta giornata girone di andata - Pala Poli di Molfetta Domenica 01 dicembre 2013
EXPRIVIA MOLFETTA - CALZEDONIA VERONA 3 - 0
Punteggio: 25-19, 25-23, 25-20
Nella 7^ giornata di andata la Calzedonia cede ai padroni di casa dell’Exprivia Molfetta, che vince davanti al pubblico del PalaPoli per 3-0 (25-19, 25-23, 25-20). Nel primo set i padroni di casa sono determinati a portarsi in vantaggio: la Calzedonia trova la parità sul 6-6, ma poi non argina il buon gioco avversario mancando di incisività. Il parziale finisce 25-19. Gli scaligeri lottano con motivazione nel set successivo, costruendo un divario di quattro lunghezze fino al 15-19. L’Exprivia ritrova il buon ritmo e l’aggressività dell’avvio di match, complice qualche imprecisione scaligera: trainata da Sabbi con la regia di Saitta recupera e si aggiudica il set 25-23. Terzo set altalenante, con numerosi errori al servizio da entrambe le parti della rete. L’Exprivia ingrana la marcia e chiude il match sul 25-20.
Giani schiera Boninfante in cabina di regia, Gasparini opposto, White-Ter Horst schiacciatori, Anzani-Zingel centrali e Pesaresi libero. Spazio durante il matche anche a Gonzalez e Blasi. Cichello manda in campo Saitta palleggiatore, Zanuto-Casoli schiacciatori, Sabbi opposto, Piscopo e Mazzone al centro, Cesarini libero.
.
fotoexpress
 
Nona giornata girone di andata - PalaOlimpia di Verona Domenica 08 dicembre 2013
CALZEDONIA VERONA - LUBE MACERATA 0 - 3
Punteggio:17-25, 20-25, 22-25
Nella magica cornice di più di 4.900 spettatori - record stagionale di spettatori in tutta la Serie A – la Calzedonia Verona ha ceduto alla capolista Macerata per 0-3 (17-25, 20-25, 22-25). La Cucine Lube è riuscita a mantenere una performance agonistica di alto livello, trovando qualche difficoltà nel terzo parziale quando gli scaligeri hanno dato vita ad un gioco più dinamico e sicuro. Ivan Zaytsev MVP del match e top scorer con 18 punti e il 56% di positività in attacco.
La battuta velenosa di Anzani e la potenza di Gasparini da posto due in evidenza all’avvio di primo set, sullo sfondo di un PalaOlimpia gremito e carico di energia. Con Zaytsev e Podrascanin la Lube ingrana la marcia e si porta sul 7-12 al primo time out tecnico. Gasparini non riesce poi ad essere incisivo sui fondamentali suoi punti di forza, Macerata allunga il divario. Il set finisce 17-25 con la diagonale firmata Zaytsev (8 punti nel primo set). Nel secondo parziale lo zar batte l’ace del 3-0 e Gasparini replica sul 3-5. Macerata riesce a mantenersi in vantaggio; da parte scaligera Anzani e White trainano il gruppo, ma non basta (20-25). Zaytsev top scorer del parziale con 7 punti e il 62% in attacco. Gasparini spinge avanti i suoi nel terzo set acclamato a gran voce dal pubblico del PalaOlimpia (5-3); Ter Horst sigla l’ace del 7-5. Gli scaligeri dimostrano di reggere il gioco della capolista e al primo time out tecnico il punteggio è di 11-12. Lo schiacciatore olandese firma l’ace del 15-15; gli avversari poi allungano (16-21) e nonostante alcune imprecisioni sul finale vincono la gara 22-25. Giani schiera in campo Boninfante in cabina di regia, Gasparini opposto, White-Ter Horst schiacciatori, Anzani e Zingel al centro, Pesaresi libero. Spazio anche a Blasi, Bellei e Gonzalez. Giuliani opta per il sestetto titolare con Baranowicz palleggiatore, Zatsev opposto, Kovar-Kurek schiacciatori, Stankovic-Podrascanin al centro, Henno libero. Entrano poi Parodi e Monopoli.
fotoexpress
 
Decima giornata girone di andata - Pala Panini di Modena Domenica 15 dicembre 2013
CASA MODENA - CALZEDONIA VERONA 0 - 3
Punteggio: 22-25, 20-25, 18-25
La Calzedonia Verona riesce nell’impresa: nella 9^ giornata espugna il PalaCasa Modena con il risultato di 0-3 (22-25, 20-25, 18-25), conquistando tre punti importanti ai danni della formazione di casa per le posizioni più alte della classifica generale. Gli scaligeri hanno affrontato con grande consapevolezza un match fondamentale, dominando dal primo all’ultimo scambio e mettendo a punto una reazione vincente dopo la sconfitta casalinga subita contro la capolista Macerata nel turno di gioco precedente. Gasparini è stato votato miglior giocatore in campo del match; la vittoria conquistata dagli uomini di Andrea Giani entra di diritto nella storia della società gialloblù: mai, infatti, gli scaligeri erano riusciti ad espugnare l’impianto emiliano. L’avvio di gara è equilibrato, con la Calzedonia in evidenza nel fondamentale del muro (5-7). I padroni di casa, invece, si dimostrano pericolosi in battuta, con l’ace di Kampa per il 7 pari e il servizio vincente di Quesque (10-10). Il set si regge su un equilibrio sottile, ma sul finale gli scaligeri riescono ad imporsi con lucidità: Ter Horst autore del 21-22 e 21-23 e Gasparini protagonista dell’ace (21-24). L’errore in battuta di Casa Modena archivia il parziale 22-25. Nel secondo set la Calzedonia scende in campo con atteggiamento aggressivo: Anzani, in evidenza al centro e in battuta, e Gasparini da posto due trainano i gialloblù fino al 6-11; il black out Casa Modena prosegue fino all’8-16. Gli emiliani recuperano con Deroo e Bartman, complice l’errore in attacco di Gasparini (16-19). La Calzedonia arresta l’avanzare avversario, lo sloveno chiude al servizio 20-25. L’ace di White marchia con lo 0-4 l’avvio di terzo set. Gli scaligeri guadagnano spazio con Gasparini protagonista e fissano il vantaggio con una solida prestazione a muro (7-13). I gialloblù dominano il set incontrastati e chiudono sul 18-25; l’ultimo punto porta la firma di Bellei che, appena entrato, conquista l’ace. Giani schiera in campo il sestetto con Boninfante in cabina di regia, Gasparini opposto, Ter Horst-White schiacciatori, Anzani-Zingel centrali, Pesaresi libero. Lorenzetti opta per il sestetto con Kampa in cabina di regia, Quesque-Kovacevic schiacciatori, Bartman opposto, Beretta e Sala al centro, Manià libero. Spazio anche a Sket per Kovacevic e successivamente Deroo e Hendriks.
.
fotoexpress
 
Undicesima giornata girone di andata - Palasport di Trento Giovedì 08 gennaio 2014
CALZEDONIA VERONA - ITAS DIATEC TRENTINO 1 - 3
Punteggio: 25-15, 25-27, 17-25, 23-25
Il tecnico scaligero Andrea Giani ha commentato la vittoria della Calzedonia Verona per 1-3 al PalaTrento, nell’ultimo match del girone di andata. Gli scaligeri si mantengono saldi al quinto posto in classifica con 18 punti conquistati in 11 giornate di campionato ad oggi disputate. “Abbiamo fatto molti errori in attacco nel primo set – ha spiegato Giani – era difficile poter pensare di vincere un set giocato così. Più avanti siamo riusciti ad innalzare il nostro livello di gioco sfruttando i nostri punti di forza, dal secondo set abbiamo iniziato a lavorare molto bene in battuta e di conseguenza siamo andati molto bene a muro e in difesa. Ciò ha portato a buone situazioni in attacco. Nel terzo e quarto set abbiamo sempre condotto noi. Abbiamo giocato bene, non si sono stati regali da parte di Trento. Mi è piaciuto molto come abbiamo invertito mentalmente e tecnicamente questa partita”. Giani ha poi rivolto lo sguardo alla prima sfida della Calzedonia in Coppa Italia: “In Coppa Italia affronteremo Perugia, una delle migliori squadre di questo campionato, contro di loro all’andata abbiamo perso in casa per 2-3. Sappiamo che ce la possiamo giocare se giochiamo da Verona, con i nostri punti di forza".
.
fotoexpress
 
Prima giornata girone di ritorno - Pala Olimpia di Verona Sabato 11 gennaio 2014
CALZEDONIA VERONA - CALLIPO VIBO VALENTIA 3 - 0
Punteggio: 25-21, 25-22, 25-17
La Calzedonia Verona inaugura il girone di ritorno con una schiacciante vittoria casalinga in tre set ai danni della Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia (25-21, 25-22, 25-17). Gli scaligeri agli ordini di Andrea Giani hanno giocato esprimendo grinta ed entusiasmo e sfruttando i propri punti di forza a muro e in battuta. Adam White top scorer ed MVP del match, con 14 punti di cui 3 a muro e il 59% di positività in attacco. 2, invece, gli ace siglati da Mitja Gasparini. Entrato in campo anche il secondo libero veronese Centomo, per disputare la sua prima gara ufficiale nel 2013-14 di fronte alle telecamere di RAI Sport 1. Avvio di gara poco incisivo per la Calzedonia Verona, con i giallorossi avanti di qualche lunghezza trainati da Ogurcak. Al primo time out tecnico il punteggio è 8-12. Da parte scaligera in evidenza White (miglior realizzatore di parziale con 7 punti) e Gasparini con l’ace del 10-12. Lo schiacciatore australiano mette a segno 4 punti consecutivi e attua il sorpasso (15-14). La Calzedonia Verona si mantiene in vantaggio e chiude il set con quattro lunghezze di distacco (25-21). Secondo parziale scandito dal punto a punto, il primo break è della Calzedonia (12-10). White e Bellei brillano in battuta (16-14 e 19-15), numerosi invece gli errori al servizio di Vibo Valentia. Il set finisce 25-22. La Calzedonia Verona riesce a mantenere il buon ritmo di gioco anche nel terzo set, con ampio margine di vantaggio (14-10). I gialloblù di Giani sono inarrestabili a muro e in battuta e, complici le imprecisioni avversarie, hanno chiuso il match 25-17.
.
fotoexpress
 
Seconda giornata girone di ritorno - Palasport di Cuneo Domenica 19 gennaio 2014
BRE BANCA CUNEO - CALZEDONIA VERONA 3 - 0
Punteggio: 25-18, 25-15, 17-25, 25-20
Il tecnico scaligero Andrea Giani ha commentato la vittoria della Calzedonia Verona per 1-3 al PalaTrento, nell’ultimo match del girone di andata. Gli scaligeri si mantengono saldi al quinto posto in classifica con 18 punti conquistati in 11 giornate di campionato ad oggi disputate. “Abbiamo fatto molti errori in attacco nel primo set – ha spiegato Giani – era difficile poter pensare di vincere un set giocato così. Più avanti siamo riusciti ad innalzare il nostro livello di gioco sfruttando i nostri punti di forza, dal secondo set abbiamo iniziato a lavorare molto bene in battuta e di conseguenza siamo andati molto bene a muro e in difesa. Ciò ha portato a buone situazioni in attacco. Nel terzo e quarto set abbiamo sempre condotto noi. Abbiamo giocato bene, non si sono stati regali da parte di Trento. Mi è piaciuto molto come abbiamo invertito mentalmente e tecnicamente questa partita”. Giani ha poi rivolto lo sguardo alla prima sfida della Calzedonia in Coppa Italia: “In Coppa Italia affronteremo Perugia, una delle migliori squadre di questo campionato, contro di loro all’andata abbiamo perso in casa per 2-3. Sappiamo che ce la possiamo giocare se giochiamo da Verona, con i nostri punti di forza".
.
fotoexpress
 
Terza giornata girone di ritorno - Pala Olimpia di Verona Domenica 26 gennaio 2014
CALZEDONIA VERONA - ALTOTEVERE 1 - 3
Punteggio: 23-25, 23-25, 25-20, 16-25
Nella 3^ giornata di ritorno la Calzedonia cede all’Altotevere Città di Castello per 1-3 (23-25, 23-25, 25-20, 16-25). La Calzedonia, priva dello schiacciatore Thijs Ter Horst, non riesce a concretizzare a suo favore i primi due parziali, nonostante mantenga il vantaggio fino alle battute finali. Gasparini top scorer del match con 32 punti, di cui 3 ace; lo schiacciatore Fromm eletto ad MVP della partita (24 punti, 59% di positività in attacco). Il primo set è scandito dal punto a punto, con gli scaligeri che conducono il duello. Città di Castello recupera, White sbaglia al servizio e regala il primo set ball agli avversari (22-24). Anzani mura la palla out (23-25). Nel parziale successivo gli scaligeri riescono a scavare un solco di vantaggio sempre più profondo, ma sulle battute decisive l’avversario rimonta colmando quattro lunghezze. Le imprecisioni miste a un po’ di sfortuna penalizzano Verona, il set termina 23-25. La Calzedonia Verona scende in campo con la stessa grinta anche nel terzo parziale (16-11), Boninfante firma il terzo ace personale in gara e Gasparini chiude 25-20. Situazione rovesciata a favore degli ospiti nel quarto set, Città di Castello mantiene la distanza di sicurezza (12-19). La gara finisce sul 16-25.
Giani ha schierato in campo Boninfante in cabina di regia, Gasparini opposto, Gonzalez-White schiacciatori, Zingel-Anzani al centro, Pesaresi libero. Spazio anche a Bellei, Blasi e Coali.
Radici ha optato per il sestetto titolare con Corvetta palleggiatore, Van Walle opposto, Fromm-Massari schiacciatori, Rossi-Piano centrali, Tosi libero. Spazio anche a Dolfo.
.
fotoexpress
 
Quarta giornata girone di ritorno - PalaEvangelisti di Perugia Domenica 02 febbraio 2014
SIR SAFETY PERUGIA - CALZEDONIA VERONA 3 - 0
Punteggio: 25-8, 25-20, 25-20
La 4^ giornata di ritorno al PalaEvangelisti termina sul 3-0 (25-8, 25-20, 25-20) a favore dei padroni di casa; la Calzedonia Verona cresce di livello nel corso della gara dopo un primo set poco incoraggiante. Gli scaligeri agli ordini di Andrea Giani trovano progressivamente sicurezza, mettendo in difficoltà la Sir Safety Perugia soprattutto nel terzo parziale grazie ad alcuni break importanti. La consapevolezza del proprio gioco per la Calzedonia arriva troppo tardi e i Block Devils archiviano il match in tre set. Nel primo Perugia è trainata dal bomber Atanasjievic, che si distingue in campo con elevate percentuali di positività in attacco (9 punti collezionati nel set). A scandire il parziale è un monologo dei padroni di casa: Petric brilla nella fase clou con i due ace consecutivi per il 24-8, Mitic chiude a muro sul 25-8. Con Ter Horst (migliore realizzatore di Verona) determinato a reagire la Calzedonia alza la testa nel set successivo, ritrovando incisività soprattutto sul finale quando il divario tra le formazioni è di tre lunghezze (21-18). I tre punti consecutivi di Petric danno ad Atanasjievic l’opportunità di chiudere il set sul 25-20. La Calzedonia gioca ad armi pari all’avvio di terzo set, conquistando il primo vantaggio del match sul 7-8. Al time out tecnico (10-12) gli scaligeri conquistano il primo break con Anzani e Gasparini vincenti in attacco. Perugia ritrova la parità soltanto sul 15-15, Atanasjievic e Buti conducono alla vittoria (25-20).
Giani ha schierato Boninfante in cabina di regia, Gasparini opposto, Ter Horst-White schiacciatori, Anzani-Zingel al centro, Pesaresi libero. Spazio anche a Gonzale, Bellei, Blasi e Coali.
Kovac ha optato per il sestetto titolare con Paolucci libero, Atanasijevic opposto, Vujevic-Petric schiacciatori, Buti-Semenzato al centro, Giovi libero. Spazio a Mitic e Della Lunga.
.
fotoexpress
 
Quinta giornata girone di ritorno - Pala Olimpia di Verona Domenica 09 febbraio 2014
CALZEDONIA VERONA - CMC RAVENNA 2 - 3
Punteggio: 25-18, 15-25, 25-23, 23-25, 11-15
5^ giornata di ritorno all’insegna delle grandi emozioni al PalaOlimpia: il duello ad armi pari tra Calzedonia Verona e CMC Ravenna si conclude a favore degli ospiti al tie break (2-3: 25-18, 15-25, 25-23, 23-25, 11-15). Brillante prestazione dell’opposto veronese Giacomo Bellei, top scorer del match – 20 punti – e MVP del match. Un infortunio colpisce i ravennati nel pre-gara: negli ultimi minuti del riscaldamento il centrale Manuele Cricca è costretto a lasciare il campo per una ferita lacerocontusa alla fronte. L’atleta, soccorso all’istante sul campo scaligero, è stato poi trasportato all’ospedale di Borgo Trento (VR), dove è stato medicato.
La Calzedonia Verona scende in campo con grinta esplosiva, guadagnando un importante vantaggio al primo time out tecnico (12-6). Trainati da Ter Horst (8 punti, 70% di positività) gli scaligeri riescono a mantenere stabile il divario di punteggio, Bellei entrato per la battuta segna l’ace del 20-15. Gasparini archivia il parziale 25-18. Boninfante e compagni appaiono smarriti all’avvio di secondo parziale: il punto di Cester porta al time out (4-12). In evidenza Bellei in battuta. Il set non sorride ai veronese, chiudendosi sul 15-25 con Klapwjik best scorer dall’altra parte della rete (7 punti). La Calzedonia è decisa a rimediare nel parziale successivo (12-8), Bellei brilla in attacco. Gli scaligeri si mantengono avanti, Ravenna si accende sul finale ma Verona è lucida. Chiude un super Bellei, miglior realizzatore con 8 punti, sul 25-23. Punto a punto equilibrato sul filo del rasoio nel quarto set: gli scaligeri guadagnano quattro lunghezze importanti (18-15), Ravenna fa sentire la sua voce sul finale (22-22). I padroni di casa si lasciano sfuggire la vittoria (23-25). Bellei è ancora il miglior realizzatore in campo (6 punti), due gli ace degli scaligeri. L’efficacia del muro veronese apre il quinto set, il PalaOlimpia si scalda. Ravenna conquista un break fondamentale e chiude vittoriosa sull’11-15.
Giani ha schierato Boninfante in cabina di regia, Gasparini opposto, Ter Horst-White schiacciatori, Zingel-Anzani al centro, Pesaresi libero. Spazio anche a Bellei, Blasi e Gonzalez.
Bonitta ha optato per il sestetto titolare con Kauliakamoa palleggiatore, Klapwijk opposto, Tillie-Cebulj schiacciatori, Cester-Mengozzi al centro, Bari libero. Spazio a Patriarca per Mengozzi.
.
fotoexpress
 
Sesta giornata girone di ritorno - PalaBianchini di Latina Domenica 16 febbraio 2014
ANDREOLI LATINA - CALZEDONIA VERONA 2 - 3
Punteggio:17-25, 19-25, 25-23, 25-23, 9-15
Al PalaBianchini la Calzedonia Verona si impone sui padroni di casa dell’Andreoli Latina al tie break, conquistando due preziosi punti per la classifica generale – vincendo la 6^ giornata di ritorno con parziali (17-25, 19-25, 25-23, 25-23, 9-15). Avvio di gara esplosivo per la Calzedonia Verona che, conquistato il primo break del match sul 4-6, cresce progressivamente fino a guadagnare un vantaggio di 7 lunghezze (14-21). Il muro scaligero è efficace (5 totali nel parziale), Latina non regge il ritmo di gioco degli ospiti. White protagonista su finale dalla seconda linea, siglando le pipe del 17-24 e 17-25. Il trend positivo gialloblù viene mantenuto anche nel set successivo: Ter Horst traina la Calzedonia nei primi scambi, Latina recupera fino al pareggio del 15 pari. Verona riparte dal muro, con Gasparini incisivo fino al 16-19. Il parziale viene archiviato 19-25. Punto a punto nel terzo set, con i veronesi in vantaggio a più riprese. L’Andreoli allunga (15-13) lasciandosi alle spalle gli avversari, riaprendo la partita e dando appuntamento al quarto set (25-23). La prima parte della quarta frazione di gioco è di marca gialloblù, con il time out tecnico chiamato sul 9-12. Latina è combattiva e, esattamente come nel parziale precedente, ingrana la marcia sulle battute finali. La prima palla set a favore dei pontini arriva sul 24-20, si va al tie break (25-23). La Calzedonia si impone sul finale, portando a casa due punti preziosi per la classifica (9-15).
Giani ha schierato in campo Boninfante in cabina di regia, Gasparini opposto, Ter Horst-White schiacciatori, Anzani-Zingel centrali, Pesaresi libero.
Simoni ha optato per il sestetto titolare con Sottile palleggiatore, Starovic opposto, Skrimov-Noda Blanco schiacciatori, Verhees-Gitto al centro, Rossini libero
.
.
fotoexpress
 
Nona giornata girone di ritorno - Pala Olimpia di Verona Mercoledì 19 febbraio 2014
CALZEDONIA VERONA - CASA MODENA 1 - 3
Punteggio: 20-25, 29-27, 22-25, 19-25
L’anticipo infrasettimanale della 9^ giornata di ritorno al PalaOlimpia vede uscire vittoriosa Casa Modena con il risultato di 1-3 (20-25, 29-27, 22-25, 19-25); la Calzedonia viene penalizzata dalla mancanza di concretezza nelle fasi clou della partita. Mitja Gasparini top scorer del match con 29 punti, di cui 3 ace (4 quelli di squadra, 6 quelli di Modena); Zingel autore di 6 muri. Il palleggiatore avversario Bruninho eletto MVP del match dalla stampa.
La Calzedonia è protagonista di un avvio di gara esplosivo: Gasparini firma l’ace dell’1-0 e l’attacco da posto due per il 2-0; dall’altra parte della rete il nuovo acquisto modenese Ngapeth brilla in attacco e in battuta (miglior realizzatore con 9 punti, di cui 2 ace nel parziale). Lo schiacciatore francese mette a segno la pipe del 5-10, Giani chiama il time out. La Calzedonia accorcia il divario, con Zingel in evidenza nella fase break (2 muri). Ngapeth traina gli avversari e, nonostante il muro scaligero funzioni bene, Modena chiude il set 20-25. Secondo set scandito dal punto a punto, buone le indicazioni da parte scaligera (6-6). Casa Modena conquista il break del 6-9, sfruttando il tocco avversario White riporta le formazioni sulla parità. Gli ospiti guadagnano il secondo vantaggio di due lunghezze sul 12-14, con Ngapeth e Kovacevic in attacco. Ter Horst vincente da posto quattro e al servizio, complice un errore di Modena, consente il sorpasso scaligero (18-17). Finale di set al cardiopalmo, cartellino rosso per Ter Horst richiamato per una reazione eccessiva in campo. Il parziale, alla fine, è della Calzedonia 29-27. Gli scaligeri infiammano il PalaOlimpia nel terzo set, con Anzani vincente in primo tempo la Calzedonia si porta sul 10-5 confermando ampi margini di vantaggio. Zingel mette a segno, da solo, quattro muri vincenti. La pipe di Ter Horst vale il 14-7; Modena mette in atto la rimonta (17 pari). Deroo e Beretta spingono verso il 20-22, poi si chiude sul 22-25. Nel quarto parziale le due formazioni si rincorrono, superandosi a vicenda; il time out tecnico viene chiamato sul 10-12. Casa Modena allunga con Ngapeth (14-18), complici le imprecisioni dei padroni di casa. Il set termina sull’errore al servizio di Zingel (19-25).
Giani ha schierato Boninfante in cabina di regia, Gasparini opposto, Ter Horst-White schiacciatori, Anzani-Zingel centrale, Pesaresi libero.
Lorenzetti ha optato per il sestetto titolare con Bruninho palleggiatore, Sket opposto, Ngapeth-Kovacevic schiacciatori, Sala-Beretta al centro, Manià libero.
.
fotoexpress
 
Undicesima giornata girone di ritorno - Palasport di Macerata Domenica 02 marzo 2014
LUBE MACERATA - CALZEDONIA VERONA 3 - 0
Punteggio: 25-17, 25-19, 25-16
Nell’8^ giornata di ritorno la Calzedonia Verona, in trasferta al Fontescodella, cede alla capolista Cucine Lube Banca Marche Macerata con il risultato di 3-0 (25-17, 25-19, 25-16). La prestazione in campo degli scaligeri, all’altezza dell’avversario soprattutto nelle prime due frazioni di gioco, ha faticato a tenere il passo nel set conclusivo – con i biancorossi in progressiva accelerazione. Macerata ha sfoderato una prova maiuscola in attacco (57%) guidata da un Parodi in grande spolvero capace di mettere a terra 16 punti con il 74% di positività in attacco. Verona, dal canto suo, ha faticato soprattutto con gli attacchi degli esterni. Da segnalare l'infortunio a Dante Boninfante uscito all'inizio del terzo set per una contusione alla mano destra. Ter Horst, al termine della gara, ha dichiarato: “Nei primi due set abbiamo giocato bene, poi c’è stato il calo. Questo è il problema con cui abbiamo a che fare nelle ultime settimane, non riusciamo a chiudere il set quando abbiamo la possibilità. Non riusciamo a trovare una soluzione per fare punti importanti, quelli decisivi. Basterebbe una palla giusta messa giù nel momento giusto per continuare. In questo momento per noi è difficile. Giani ci ha ripreso dicendoci che questo non è il modo di perdere: la sconfitta contro la capolista non è grave, è grave il modo in cui ci siamo arrivati”. Nel primo set la Calzedonia Verona regge il gioco alla capolista, dimostrandosi sicura dei propri mezzi. Gara equilibrata con protagonisti da una parte Kurek e Zaytsev e dall’altra Zingel e Gasparini fino al 17 pari. Macerata aumenta il ritmo di gioco e, complice qualche errore dei veronesi, trova il primo set ball sul 24-17. Chiude Podrascanin dal centro (25-17). Nel parziale successivo le due formazioni combattono ad armi pari; gli scaligeri non soffrono della sconfitta nel primo set. Macerata conquista il primo break sul 12-10 con Kurek. Il time out tecnico funge da spartiacque nella frazione di gioco, la Calzedonia perde in incisività. Il set termina 25-19 per mano di Stankovic. Nel terzo parziale i padroni di casa conquistano un vantaggio importante fin dai primi scambi, portandosi sul 4-1 e successivamente assestando il punteggio sul 14-10. I biancorossi volano, approfittando del calo d tensione scaligero. Le imprecisioni dei gialloblù facilitano i padroni di casa nella conquista del set e dunque della partita: Parodi firma il 24-16, il match finisce 25-16 per un errore di Zingel.
Giani ha schierato Boninfante in cabina di regia, Gasparini opposto, White-Ter Horst schiacciatori, Zingel-Anzani al centro, Pesaresi libero.
Giuliani ha optato per il sestetto titolare con Baranowicz palleggiatore, Zaytsev opposto, Parodi-Kurek schiacciatori, Stankovic-Podrascanin al centro, Henno libero.
.
fotoexpress
 
Dodicesima giornata girone di ritorno - PalaBanca di Piacenza Domenica 16 marzo 2014
COPRA PIACENZA - CALZEDONIA VERONA 3 - 0
Punteggio: 25-22, 25-12, 25-23
La Calzedonia Verona non riesce nell’impresa di espugnare il PalaBanca nella 10^ giornata di ritorno: la Copra Elior Piacenza si afferma in tre set con parziali 25-22, 25-12 e 25-23. Gli scaligeri non gioiscono nemmeno sul fronte qualificazioni ai Play Off: in contemporanea la CMC Ravenna conquista punti contro Macerata, rimandando al 23 marzo il duello per aggiudicarsi un posto per il l’ultima fase di gare valide per lo scudetto 2013-14. Prima del fischio d’inizio il PalaBanca è stato teatro dei festeggiamenti casalinghi per la conquista della Del Monte Coppa Italia 2013 e per lo schiacciatore Samuele Papi che oggi ha giocato la sua 700esima partita in Serie A1. Giani ha schierato in campo Boninfante in cabina di regia, Gasparini opposto, White-Ter Horst schiacciatori, Zingel-Anzani al centro, Pesaresi libero; durante il match spazio anche a Blasi e Bellei. Monti ha optato per il sestetto titolare con De Cecco palleggiatore, Le Roux opposto, Fei-Simon al centro, Papi-Kaliberda schiacciatori, Marra libero. Spazio anche a Tencati e Partenio. Nel primo parziale la Calzedonia tiene testa al gioco avversario: gli scaligeri attuano due importanti rimonte che assestano il punteggio prima sul 7 pari, poi lo smuovono dal 16-11 al 21-20. Finale di set scandito dal punto a punto, Piacenza ha la meglio grazie all’apporto di Kaliberda e Le Roux (25-22). La frazione successiva si traduce in un monologo della Copra Elior, trainata da Kaliberda e Le Roux orchestrato dalla perfetta regia di De Cecco. Tra i gialloblù si mette in luce l’opposto Gasparini, l’unico a trovare concretezza quando possibile. Con il punteggio di 25-12 gli atleti di Monti si impongono per il 2-0. Nel terzo set Piacenza tiene a distanza la Calzedonia confermando le quattro lunghezze di vantaggio in più passaggi (9-5 e 17-13). Gli scaligeri accorciano sul finale, complice qualche imprecisione dei padroni di casa (20-18). Le speranze si accendono con Zingel autore del 22-20 e 22-21. La lucidità premia Piacenza: Kaliberda chiude 25-23 su White.
.
fotoexpress
 
Tredicesina giornata girone di ritorno - Pala Olimpia di Verona Domenica 23 marzo 2014
CALZEDONIA VERONA - DIATEC TRENTINO 0 - 3
Punteggio: 20-25, 21-25, 15-25
La sconfitta per 0-3 (20-25, 21-25, 15-25) subita tra le mura casalinghe contro la Diatec Trentino è meno amara per la Calzedonia Verona: al termine di Latina-Ravenna, conclusa 3-0 a favore di padroni di casa, gli atleti agli ordini di Andrea Giani sono certi di essersi qualificati ai Play Off Scudetto 2013-14 dove incontreranno la Cucine Lube Banca Marche Macerata. Schierato nel sestetto titolare scaligero dell’11^ giornata di ritorno il nuovo acquisto della Calzedonia Verona, lo schiacciatore serbo Nikola Kovacevic al suo debutto in gialloblù, in campo al posto di White. L’opposto trentino Tsvetan Sokolov MVP e top scorer del match con 17 punti (58% di positività in attacco) di cui 2 ace. L’opposto scaligero Gasparini si distingue invece tra i veronesi (14 punti, 2 ace). Nel primo set gli scaligeri si mettono in luce nel fondamentale del muro, con Anzani protagonista (5 punti di cui 3 a muro nel parziale), conquistando un break di tre lunghezze sull’8-5. Il time out tecnico viene chiamato sul 12-9. Trento, incisivo dal centro, attua la rimonta e trova la parità (14-14). Sul finale, con Birarelli vincente in attacco e Sokolov al servizio, la Diatec è avanti 18-21. L’opposto bulgaro di Trento chiude in attacco 20-25. Seconda frazione di gioco scandita dal punto a punto; a tratti conduce la Calzedonia e a tratti l’avversario. Lo scambio prosegue fino al primo break, della Diatec Trentino (14-16). Gli scaligeri riacciuffano la lunghezza persa, ma Trento si porta a più tre (18-21). Il set termina 21-25; Gasparini e Sokolov alla pari per punti collezionati (5). Nel terzo set la Diatec macina un vantaggio importante: Lanza mette la firma sul primo break (3-5), mentre la doppia azione vincente consecutiva con protagonisti Sokolov e Suxho vale il 5-9. Trento cresce progressivamente, la Calzedonia non mette a punto soluzioni concrete. Lanza trascina i suoi; la partita termina 15-25.
Giani ha schierato in campo Boninfante in cabina di regia, Gasparini opposto, Kovacevic-Ter Horst schiacciatori, Zingel-Anzani al centro, Pesaresi libero. Spazio a Bellei in fase battuta, a White per Ter Horst e a Blasi per Boninfante.
Serniotti ha optato per il sestetto titolare con Suxho palleggiatore, Sokolov opposto, Birarelli-Solè al centro, Ferreira-Lanza schiacciatori e Colaci libero.
.
fotoexpress